2018-19 

TRA SOLUNTO ED ALTAVILLA ALLA RISCOPERTA DEL NOSTRO TERRITORIO

Lunedì 6 maggio, noi ragazzi partecipanti al PON-Alternanza scuola lavoro “Da Solùnto ai Monti Sicani” e “Promuovere la valorizzazione e la fruizione degli ecomusei”, delle classi 3A, 3D, 3E e parte della 3B, ci siamo recati a Solùnto per una visita guidata del sito archeologico.

Durante l’intera mattinata abbiamo visitato i quartieri dell’antica città, percorrendo la via principale, Via dell’Agorà, sotto la guida dell’archeologa Giusi Galioto, dei tutor esterni del PON, Francesco Mineo e Maurizio Tosi e dei tutor interni Costanza Angela e Biagio Martorana.




A Solùnto, fondata dai Fenici tra l’VIII ed il VII secolo a.C., occupata da alcuni mercenari greci durante il IV a. C.  secolo, ed infine a metà del III secolo a. C. dai Romani, ci siamo soffermati maggiormente ad osservare il cosiddetto “Ginnasio”, la casa di Leda, la casa del cerchio in mosaico, l’edificio sacro con altare betilico, l’Aγορά, il teatro ed il βουλευτήριον. Di ognuno di questi luoghi abbiamo appreso la storia e la funzione, e nel frattempo alcuni di noi hanno scattato numerose foto che serviranno per le attività previste nell’ambito del progetto PON di Alternanza scuola-lavoro.



Nel pomeriggio abbiamo raggiunto Altavilla Milicia, e tramite un percorso ripido, siamo arrivati in cima ad una collina sulla quale sorge la chiesa di Santa Maria di Campogrosso, meglio conosciuta come “Chiesazza”, costruita dal conte Ruggero prima della conquista normanna di Palermo. Questo monumento, nonostante sia davvero importante, purtroppo non ha ricevuto lo stesso interesse e la stessa cura degli altri dello stesso periodo che si trovano nel territorio, e ciò è testimoniato dal totale stato di incuria in cui si trova. Durante l’ispezione del luogo, infatti, abbiamo dovuto percorrere un sentiero pieno di erbacce ed evitare molte buche. Insieme al tutor Salvatore Imburgia, abbiamo cercato di osservare la struttura dalla posizione in cui prima doveva trovarsi l’abside, per provare a capire quali aspetti avremmo potuto valorizzare della chiesa ed in quale modo.

Successivamente ci siamo recati al Santuario della Madonna della Milicia, dove siamo stati accolti dal sindaco, Pino Virga, e dall’insegnante Anna Farina che ci ha raccontato la storia del santuario e descritto la struttura.



La chiesa, a croce latina, in stile classico-romano ottocentesco, dove è conservato il Quadro della Madonna seduta in trono con una corona dorata ed il Bambino Gesù sulle ginocchia, dal 31 maggio 2004, a norma del Codice del Diritto canonico è “Santuario Mariano Diocesano” ed è meta di numerosi pellegrini. Qui abbiamo scoperto che sulla provenienza del quadro storia e leggenda s’intrecciano completandosi a vicenda, infatti gli anziani raccontano che, in un tempo non precisato ma prima del seicento, questa Sacra immagine sia stata donata da corsari maomettani ai milicioti.

Infine, dopo aver ascoltato la storia del Santuario, abbiamo visitato il Museo degli “ex voto”, che si trova all’interno dello stesso Santuario. Questo museo, piccolo, eppure davvero prezioso, contiene una ricchissima collezione di circa 400 ex voto tra illustrazioni e doni, dal 1800 circa ad oggi, che i pellegrini portavano e continuano ad offrire come ringraziamento per una grazia ottenuta dalla Madonna della Milicia. Molti sono quadretti votivi dipinti da pittori di carretti su latta ricavata da scatole di sardine, e la maggior parte di questi raffigurano momenti drammatici di vita e lo scampato pericolo come incidenti ferroviari o in mare, gravi malattie, interventi chirurgici effettuati in casa, ma anche guarigioni e difficoltà di vario genere.





L’intera giornata dunque è stata un’esperienza molto interessante, ma soprattutto importante poiché ci ha permesso di conoscere nuovi aspetti e curiosità del nostro territorio, ed ha arricchito la nostra cultura riguardo a tradizioni e luoghi molto vicini a noi, che pensavamo di conoscere, ma che in questo modo abbiamo completamente riscoperto.

 

Martina Sanfilippo, IIIA

Rosario Corso, IIIA

Lascia qui un tuo commento!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: