2021-22 Magazine numero 2 Senza categoria 

Musei-AMO…al Guttuso!

Giovedì 16 Dicembre, le classi III AU e V AU hanno visitato il Museo Guttuso e alcuni degli spazi accessibili della villa che lo ospita, villa Cattolica.

Prima della visita è stato svolto, da entrambe le classi, un lavoro preparatorio per comprendere meglio gli elementi essenziali di una opera d’arte e poter vivere così più attivamente e con maggiore consapevolezza l’ambiente museale in genere.

Gli alunni della classe terza hanno studiato e approfondito gli aspetti storici ed architettonici di villa Cattolica e la nascita del Museo (con tutte le sue varie vicissitudini!). In particolare, le alunne Giorgia Clemente e Gioia Sanfilippo, attraverso una analisi strutturale e monumentale chiara ed esemplificativa, hanno offerto a tutti i visitatori le informazioni utili per il buon proseguimento della visita.


La classe quinta si è invece occupata di conoscere, studiare e approfondire gli artisti, pittori e pittrici, e le opere presenti all’interno del Museo, cercando di soffermarsi su una serie di dati fondamentali dell’opera stessa come: la tipologia dell’opera, l’anno di produzione, il materiale e le tecniche utilizzate, l’aspetto originale e attuale e il loro stato di conservazione. Oltre al grande artista bagherese Renato Guttuso, a cui è dedicato il Museo, sono stati molti e diversi gli artisti che hanno contribuito a costruire, in particolar modo in Sicilia e nel nostro territorio, quella identità artistica novecentesca di cui oggi continuiamo ad ammirare la bellezza e il valore storico e simbolico. Gli artisti presi in considerazione sono stati: Teresa Tripoli, Topazia Alliata, Carla Accardi, Domenico Quattrociocchi, Pina Calì, Silvestro Cuffaro, Pippo Rizzo, Antonietta Raphael Mafai, Lia Pasqualina Noto, Franco Francese, Saro Mirabella, Filly Cusenza e tanti altri.

La visita, in mattinata, è iniziata con una breve introduzione da parte della prof.ssa di Storia dell’arte, Francesca Triolo, che ha ricordato quanto sia importante e fondamentale, per essere dei veri cittadini e studenti consapevoli, valorizzare, tutelare e promuovere il patrimonio artistico. Anche alla nostra età è possibile prenderci cura delle opere, degli artisti e del valore che essi rappresentano attraverso lo studio, la ricerca ed una semplice visita al Museo.

Successivamente è proseguita, tra piano inferiore e superiore del corpo centrale della villa, in modo molto lineare ed è stata una esperienza che ha arricchito veramente tutti, nessuno escluso.

La pittura di Guttuso ci ricorda, con il suo continuo allontanarsi dalle cose del quotidiano, talvolta da lui ritenute superflue, di andare oltre l’oggetto rappresentato, cogliendo l’essenzialità della cosa in sé. Comprende e ci vuole far comprendere che dietro ad un oggetto non c’è soltanto un insieme di materiali che necessariamente devono comporlo, ma c’è una esistenza nascosta che spesso sfugge a chi non sa ben osservare o a chi, semplicemente, preferisce non osservare.

Si ringraziano tutti i ragazzi della classe III e V AU e i docenti accompagnatori, i proff. Triolo F. , Fricano S. , Aquilino M. , Salvia F. per la buona riuscita della visita.

G.C.

Lascia un commento.