Senza categoria 

ALL’EPICA…IL RITORNO A SCUOLA DEL NOSTRO MITO

RITORNO TRA I BANCHI SCOLASTICI PER GIUSEPPE TORNATORE

il regista ritorna alla sua vecchia scuola per presentare il libro “All’epica… C’era una volta la politica”

È stata un’ iniziativa accattivante e, senza dubbio, stimolante quella di domenica 24 aprile; proprio in questo giorno, Il Liceo Classico Francesco Scaduto apre le porte, anche di Domenica, a Giuseppe Tornatore, famoso regista e sceneggiatore bagherese, in occasione della presentazione del suo ultimo libro “All’ epica – C’era una volta la politica…”.

Questa giornata è stata piena di dibattiti, interviste e storie di politica,siciliana naturalmente. 

Ma andiamo a vedere più nel dettaglio come si è svolto questo indimenticabile evento.

Molte le persone, tra invitati e studenti, che si sono recate al liceo, precisamente nell’anfiteatro, per ascoltare e sapere di più sull’ultimo testo del regista bagherese. 

Ma prima, Tornatore ha espresso il desiderio di visitare la sua vecchia scuola, le aule, i corridoi e perfino la presidenza; accompagnato da alcuni professori e da Mimmo Aiello,il suo carissimo amico,varcate le soglie della scuola, è stata per il regista come un’ondata di ricordi che lo ha travolto, facendogli tornare in mente gli indimenticabili anni delle superiori e “riportandolo” tra i banchi scolastici.

All’èpica. C’era una volta la politica

Successivamente, i ragazzi della redazione Hermes hanno avuto l’imperdibile occasione di porgli qualche domanda. Da queste ultime si è intuito che la sua passione per il cinema nacque quando era appena un bambino e che la prima volta che egli entrò in un cinema fu davvero un’autentica folgorazione. Da lì partì il suo innamoramento per questo misterioso e magico mondo. Ma come si sa, seguire i propri sogni implica spesso delle rinunce, come lasciare il proprio paese di origine; infatti, una frase pronunciata dallo stesso Tornatore che ha molto colpito tutti i presenti in presidenza è stata “Io più mi innamoravo del cinema e più mi convincevo che sarei dovuto andare via”.

Finito questo breve tour, Tornatore è sceso in cavea, accolto da molti spettatori interessati ad avere ragguagli sul suo libro. A questo punto, è iniziata la vera e propria presentazione: Tornatore ha chiacchierato con i proff. Maurizio Padovano e Mimmo Aiello e,più che una presentazione canonica, è sembrata una vera e propria “rimpatriata”,una serata tra vecchi amici: storie di politica siciliana, dibattiti con gli altri professori e domande del pubblico hanno animato l’incontro. Tutti sono rimasti incantati dalle parole di Tornatore, soprattutto i giovani studenti del liceo.

Alla fine di questa memorabile giornata, i presenti hanno ricevuto una copia del libro firmata dall’autore e,i più intraprendenti,hanno chiesto e ottenuto anche una foto ricordo. 

Da lì a qualche giorno,avremmo gioito tutti insieme per l’ennesimo riconoscimento ricevuto,il David di Donatello. Ma questa…è un’altra storia e speriamo che ce la venga a raccontare.

Giulia Catania, Greta Galioto, Myriam Cinà, Elena Gambino, Angela Barone 1B e Rita Riggi 3BU

Lascia un commento.